Area riservata

Parlaci della tua esigenza

I nostri servizi

Hyper automation.

Automatizziamo il rilevamento e la risoluzione dei blocchi
alla produttività.

I nostri servizi

Hyper automation.

Automatizziamo il rilevamento e la risoluzione dei blocchi alla produttività.

Il monitoraggio della salute degli ambienti IT è sempre più complesso: l’azienda è “diffusa” sul territorio e la connettività è l’unico collante tra l’ufficio e le postazioni remote. A veicolarla è un numero crescente di device in mobilità, che devono essere oggetto di screening, per non rallentare i dipendenti che lavorano da remoto.
La loro disomogeneità e dispersione rendono però difficile identificare, rilevare e risolvere le potenziali criticità nel modo più rapido possibile. I device sono affetti da problemi di configurazione, prestazioni, compliance e sicurezza facilmente gestibili se presi in anticipo, ma il supporto arriva sempre tardi, quando l’utente è ormai bloccato.
Il monitoraggio della salute degli ambienti IT è sempre più complesso: l’azienda è “diffusa” sul territorio e la connettività è l’unico collante tra l’ufficio e le postazioni remote. A veicolarla è un numero crescente di device in mobilità, che devono essere oggetto di screening, per non rallentare i dipendenti che lavorano da remoto.
La loro disomogeneità e dispersione rendono però difficile identificare, rilevare e risolvere le potenziali criticità nel modo più rapido possibile. I device sono affetti da problemi di configurazione, prestazioni, compliance e sicurezza facilmente gestibili se presi in anticipo, ma il supporto arriva sempre tardi, quando l’utente è ormai bloccato.

Con il nostro servizio di Hyper-Automation, creiamo un ambiente di gestione dei device self-healing, ovvero in grado di fare autodiagnosi e autoriparazione delle situazioni potenzialmente critiche per la produttività degli utenti.

Configuriamo dei bot che regolarmente effettuano dei controlli su tutti i device per determinare dove gli utenti potrebbero incontrare delle difficoltà e velocizziamo la loro risoluzione con workflow automatizzati e integrati agli strumenti ITSM, riducendo tempi e costi di intervento e migliorando l’esperienza dei dipendenti.

Con il nostro servizio di Hyper Automation, creiamo un ambiente di gestione dei device self-healing, ovvero in grado di fare autodiagnosi e autoriparazione delle situazioni potenzialmente critiche per la produttività degli utenti.

Configuriamo dei bot che regolarmente effettuano dei controlli su tutti i device per determinare dove gli utenti potrebbero incontrare delle difficoltà e velocizziamo la loro risoluzione con workflow automatizzati e integrati agli strumenti ITSM, riducendo tempi e costi di intervento e migliorando l’esperienza dei dipendenti.

QUALI SITUAZIONI DOVREBBERO METTERTI
IN ALLARME?

Quali situazioni che coinvolgono il tuo supporto dovrebbero metterti in allarme?

Vulnerabilità inosservate a lungo

Il 50% delle minacce alla sicurezza informatica avviene entro 14-28 giorni dalla disponibilità delle patch. Ma il team IT, oberato da altre attività, non sempre riesce a distribuirle tempestivamente.

Aumento di richieste al supporto

La maggioranza delle richieste al supporto riguarda problematiche che potrebbero essere facilmente risolte con un monitoraggio preventivo. Il personale non riesce e finisce per impiegare gran parte del tempo a risolverle.

Mancanza di uniformità

La disomogeneità dei device gestiti e la mancanza di informazioni sulle loro condizioni rende difficile programmare interventi massivi per uniformare e proteggere le postazioni da remoto.

Blocchi frequenti

I dipendenti sperimentano frequentemente situazioni bloccanti e ai danni al business causati dai rallentamenti si aggiunge l’insoddisfazione nei confronti dei servizi forniti dall’azienda.

Quali situazioni che coinvolgono il tuo supporto dovrebbero metterti in allarme?

Vulnerabilità inosservate a lungo

Il 50% delle minacce alla sicurezza informatica avviene entro 14-28 giorni dalla disponibilità delle patch. Ma il team IT, oberato da altre attività, non sempre riesce a distribuirle tempestivamente.

Aumento di richieste al supporto

La maggioranza delle richieste al supporto riguarda problematiche che potrebbero essere facilmente risolte con un monitoraggio preventivo. Il personale non riesce e finisce per impiegare gran parte del tempo a risolverle.

Mancanza di uniformità

La disomogeneità dei device gestiti e la mancanza di informazioni sulle loro condizioni rende difficile programmare interventi massivi per uniformare e proteggere le postazioni da remoto.

Blocchi frequenti

I dipendenti sperimentano frequentemente situazioni bloccanti e ai danni al business causati dai rallentamenti si aggiunge l’insoddisfazione nei confronti dei servizi forniti dall’azienda.

Il ritardo di un aggiornamento di sistema in un punto cruciale potrebbe
propagarsi e avere un impatto sul resto dell’infrastruttura IT. Ma anche in
scala ridotta potrebbe impedire al dipendente di svolgere il proprio lavoro,
perché non gli permette di comunicare con le altre applicazioni. Le situazioni
bloccanti possono essere molteplici, per evitarle dovresti:

Disporre di inventari tempestivi delle risorse IT

Passare manualmente al vaglio gli avvisi di più device o aspettarsi la segnalazione dall’utente sui possibili problemi di prestazioni e di disponibilità dei sistemi, come può esserlo uno spazio disco quasi pieno, non assicura la risoluzione del problema. Dovresti disporre di inventari tempestivi HW e SW, per monitorare in tempo reale la situazione di ogni device che si connette alla rete aziendale.

Codificare gli interventi

Per abilitare una gestione proattiva degli incidenti, va definita qual è la regola e qual è l’eccezione. Dovresti assicurarti che le postazioni da remoto rispettino i requisiti di configurazione, compliance e sicurezza richiesti dall’azienda e la soluzione è abilitare una gestione centralizzata, che permetta con pochi click il provisioning e l’applicazione di policy secondo gli standard.

Eseguire il self-check

Come nell’assistenza sanitaria, la prevenzione è tutto. Ma il personale non può dedicare il suo tempo a fare screening. Dovresti ricorrere all’AI: è un valido aiuto perché gli algoritmi sono in grado di “apprendere” dall’ambiente, imparando a distinguere le situazioni di normalità da quelle anomale.

Ottimizzare il tempo del personale IT

Con soluzioni di monitoraggio separate, l’IT è costretto a correlare manualmente le segnalazioni, non avendo un modo sistematico per distinguere tra falsi e veri allarmi. Con l’AI le segnalazioni sono verificate e possono essere abbinate a workflow automatizzati di risoluzione. Dovresti impostare dei paradigmi if/then, ovvero in presenza di una determinata condizione serve un determinato intervento. E lasciare che sia il sistema ad autoripararsi, continuamente.

Il ritardo di un aggiornamento di sistema in un punto cruciale potrebbe
propagarsi e avere un impatto sul resto dell’infrastruttura IT. Ma anche in
scala ridotta potrebbe impedire al dipendente di svolgere il proprio lavoro,
perché non gli permette di comunicare con le altre applicazioni. Le situazioni
bloccanti possono essere molteplici, per evitarle dovresti:

Disporre di inventari tempestivi delle risorse IT

Passare manualmente al vaglio gli avvisi di più device o aspettarsi la segnalazione dall’utente sui possibili problemi di prestazioni e di disponibilità dei sistemi, come può esserlo uno spazio disco quasi pieno, non assicura la risoluzione del problema. Dovresti disporre di inventari tempestivi HW e SW, per monitorare in tempo reale la situazione di ogni device che si connette alla rete aziendale.

Codificare gli interventi

Per abilitare una gestione proattiva degli incidenti, va definita qual è la regola e qual è l’eccezione. Dovresti assicurarti che le postazioni da remoto rispettino i requisiti di configurazione, compliance e sicurezza richiesti dall’azienda e la soluzione è abilitare una gestione centralizzata, che permetta con pochi click il provisioning e l’applicazione di policy secondo gli standard.

Eseguire il self-check

Come nell’assistenza sanitaria, la prevenzione è tutto. Ma il personale non può dedicare il suo tempo a fare screening. Dovresti ricorrere all’AI: è un valido aiuto perché gli algoritmi sono in grado di “apprendere” dall’ambiente, imparando a distinguere le situazioni di normalità da quelle anomale.

Ottimizzare il tempo del personale IT

Con soluzioni di monitoraggio separate, l’IT è costretto a correlare manualmente le segnalazioni, non avendo un modo sistematico per distinguere tra falsi e veri allarmi. Con l’AI le segnalazioni sono verificate e possono essere abbinate a workflow automatizzati di risoluzione. Dovresti impostare dei paradigmi if/then, ovvero in presenza di una determinata condizione serve un determinato intervento. E lasciare che sia il sistema ad autoripararsi, continuamente.

RISOLVIAMO LE CRITICITÀ PRIMA
CHE GLI UTENTI SE NE ACCORGANO.
PREDISPONIAMO AMBIENTI SELF-HEAL,
SELF-SECURE, SELF-SERVICE.

Sostituiamo più strumenti manuali e separati con una singola
piattaforma intelligente
, centralizzando le informazioni sui device gestiti
in un unico punto. Al suo interno impostiamo meccanismi di automazione
che mettono in correlazione i dati e intervengono in presenza di situazioni
non conformi e anomale
.

Non solo ottimizziamo le IT operations, ma accettiamo la sfida di fornire ai
dipendenti l’esperienza che non dovrebbero nemmeno rendersi conto di
vivere
: quella di avere problemi risolti prima di accorgersene.

RISOLVIAMO LE CRITICITÀ PRIMA
CHE GLI UTENTI SE NE ACCORGANO.
PREDISPONIAMO AMBIENTI SELF-HEAL,
SELF-SECURE, SELF-SERVICE.

Sostituiamo più strumenti manuali e separati con una singola
piattaforma intelligente
, centralizzando le informazioni sui device gestiti
in un unico punto. Al suo interno impostiamo meccanismi di automazione
che mettono in correlazione i dati e intervengono in presenza di situazioni
non conformi e anomale
.

Non solo ottimizziamo le IT operations, ma accettiamo la sfida di fornire ai
dipendenti l’esperienza che non dovrebbero nemmeno rendersi conto di
vivere
: quella di avere problemi risolti prima di accorgersene.

COSA OFFRIAMO

Piena
governance
Centralizziamo le informazioni relative ai device gestiti.
  • produzione automatica e integrata di inventari hardware e software
  • dashboard google-like interrogabili sulle condizioni dei device
  • visibilità sul ciclo di vita degli asset e sullo stato dei servizi IT grazie all’integrazione con strumenti ITAM e ITSM
  • risk assessment sulla presenza di anomalie e situazioni non conformi
Gestione uniforme

Standardizziamo le postazioni di
lavoro da remoto.

  • verifica 24/7 dei requisiti aziendali di configurazione, prestazioni, compliance e sicurezza
  • interventi di standardizzazione massiva delle postazioni di lavoro
  • patching e applicazione automatica delle policy
  • provisioning applicativi e migrazione OS automatizzata e remota
Self-heal
Abilitiamo meccanismi di prevenzione intelligente.
  • funzioni di self-check, diagnostica e correlazione eventi
  • workflow automatizzati di risoluzione degli incidenti
  • settaggio delle condizioni (if/ then) da un elenco predisposto
  • dashboard e report sullo stato di avanzamento degli interventi
  • notifica al personale IT degli interventi
  • apertura ticket nei casi più complessi, corredati di dati per velocizzare l’analisi e l’intervento del supporto

COSA OFFRIAMO

Piena
governance
Centralizziamo le informazioni relative ai device gestiti.
  • produzione automatica e integrata di inventari hardware e software
  • dashboard google-like interrogabili sulle condizioni dei device
  • visibilità sul ciclo di vita degli asset e sullo stato dei servizi IT grazie all’integrazione con strumenti ITAM e ITSM
  • risk assessment sulla presenza di anomalie e situazioni non conformi
Gestione uniforme

Standardizziamo le postazioni di
lavoro da remoto.

  • verifica 24/7 dei requisiti aziendali di configurazione, prestazioni, compliance e sicurezza
  • interventi di standardizzazione massiva delle postazioni di lavoro
  • patching e applicazione automatica delle policy
  • provisioning applicativi e migrazione OS automatizzata e remota
Self-heal
Abilitiamo meccanismi di prevenzione intelligente.
  • funzioni di self-check, diagnostica e correlazione eventi
  • workflow automatizzati di risoluzione degli incidenti
  • settaggio delle condizioni (if/ then) da un elenco predisposto
  • dashboard e report sullo stato di avanzamento degli interventi
  • notifica al personale IT degli interventi
  • apertura ticket nei casi più complessi, corredati di dati per velocizzare l’analisi e l’intervento del supporto

RISOLVIAMO ESIGENZE CRUCIALI
PER IMPEDIRE CHE I TUOI
UTENTI RESTINO BLOCCATI
DA PROBLEMI TECNICI.

Previeni e risolvi ogni anomalia con il supporto dell’AI.

Ridurre
l’impatto dei malfunzionamenti sui miei utenti

“Non riesco a prevenire gli incidenti prima che blocchino il lavoro delle persone”

Abilitare in modo sicuro qualsiasi dispositivo

“Faccio fatica ad assicurarmi che tutti i dispositivi rispettino i requisiti di sicurezza aziendali”

Sapere se ci sono applicativi non in regola

“Vorrei monitorare la presenza di situazioni non conformi nei device degli utenti”

Conoscere ogni cosa degli asset aziendali (stato, assegnatari, relazione)

“Vorrei avere chiare le condizioni dei miei asset all’interno dell’infrastruttura aziendale”  

RISOLVIAMO ESIGENZE CRUCIALI
PER IMPEDIRE CHE I TUOI
UTENTI RESTINO BLOCCATI
DA PROBLEMI TECNICI.

Previeni e risolvi ogni anomalia con il supporto dell’AI.

Ridurre
l’impatto dei malfunzionamenti sui miei utenti

“Non riesco a prevenire gli incidenti prima che blocchino il lavoro delle persone”

Abilitare in modo sicuro qualsiasi dispositivo

“Faccio fatica ad assicurarmi che tutti i dispositivi rispettino i requisiti di sicurezza aziendali”

Sapere se ci sono applicativi non in regola

“Vorrei monitorare la presenza di situazioni non conformi nei device degli utenti”

Conoscere ogni cosa degli asset aziendali (stato, assegnatari, relazione)

“Vorrei avere chiare le condizioni dei miei asset all’interno dell’infrastruttura aziendale”  

Vorresti automatizzare il rilevamento
e la risoluzione di blocchi alla produttività?

CONTATTACI PER UNA
CONSULENZA!

Vorresti automatizzare il rilevamento
e la risoluzione di blocchi alla produttività?

CONTATTACI PER UNA
CONSULENZA!

IL MONITORAGGIO DELLE
POSTAZIONI DA REMOTO
DEVE ESSERE AUTOMATIZZATO,
MA NON SOLO.

Scopri gli altri servizi che offriamo per far
lavorare ovunque e in sicurezza le Persone.

IL MONITORAGGIO DELLE
POSTAZIONI DA REMOTO
DEVE ESSERE AUTOMATIZZATO,
MA NON SOLO.

Scopri gli altri servizi che offriamo per far
lavorare ovunque e in sicurezza le Persone.

Vuoi qualcosa di più?
Iscriviti qui ai nostri eventi